Iniziato il processo per il crac dell’ex Lanciano di Paolo Di Stanislao,

vero che non è stato condannato e fino a quando non ci sara' una sentenza non è colpevole 
ma questa è la persona che ha messo come presidente suo figlio nel CASALE CALCIO
con i fatti successi in questo periodo al CASALE CALCIO E LEGGENDO QUESTO DA DA PENSARE ....POI VALUTATE VOI , HANNO PRESO IN GIRO TUTTO IL POPOLO NEROSTELLATO E UNA CITTA' INTERA 
IL RISULTATO? IL CASALE CALCIO FORSE SCOMPARIRA' NELLA PEGGIORE DELLE IPOTESI E SE VA BENE RIPARTIRA' DALL'ECCELLENZA SEMPRE SE QUAL'CUNO SIA DISPOSTO A PRENDERE QUESTA SQUADRA BLASONATA COME IL CASALE CALCIO 1909


Iniziato il processo per il crac dell’ex Lanciano calcio
11 aprile 2013 — pagina 20 sezione: Chieti

LANCIANO A cinque anni dal fallimento della società Lanciano calcio con un crac di oltre due milioni di euro, si è aperto ieri il processo davanti al tribunale collegiale che vede alla sbarra, con l’accusa a vario titolo di bancarotta fraudolenta, riciclaggio di assegni, truffa e reati fiscali, Paolo Di Stanislao, 51 anni, ex patron; la sua compagna Patrizia Bernardi, 46 anni; Paolo Massari, 60 anni, Antonio Alimonti, 56 anni, di Roma, Alfredo Di Paolo, 36 anni, di Teramo, Giuseppe Ielo, 56 anni, Gino Sammarco, 66 anni e l’ex presidente Riccardo Angelucci, 44 anni, di Lanciano che compare anche come parte lesa. Ieri sono stati ascoltati i primi test dell’accusa chiamati a ricostruire i bilanci della società: Andrea Colantonio, amministratore giudiziario e alcuni consulenti e componenti del collegio sindacale della ex società come Nicola Mattia, Antonio Spadano e Manuela Mattioli. Inoltre i giudici dovranno chiarire la posizione degli 8 imputati perché, ad esempio sono solo Di Stanislao, Patrizi e Di Paolo a rispondere di bancarotta documentale e reati fiscali. Di presunta distrazione di fondi, oltre 350 mila euro, invece rispondono Di Stanislao, in concorso o con Patrizi o con Massari o con Ielo. Angelucci, infine, è accusato di concorso in bancarotta, perché avrebbe distratto dalla società 210 mila euro della cessione di Francesco Di Gennaro alla Lucchese nel gennaio 2006. Ma è anche vittima della presunta truffa architettata da Di Stanislao, Patrizi, Ielo e Sammarco, che si sarebbero impossessati del Lanciano calcio, del valore di 700 mila euro, senza versare un centesimo perché garantirono l’acquisto con un polizza fidejussoria scoperta. (t.d.r.

Commenti

Post popolari in questo blog

La storia del tifo organizzato a Casale

Comunicato Ultras Casale

R.I.P. REBECCA