Signor presidente: FATTI NON PAROLE

Casale, il patron Di Stanislao annuncia il saldo stipendi e nuovi sponsor

27 Feb. 2013  •  CALCIO  •  Casale

Dopo le parole, ora servono i fatti. Trascorsa una domenica di pausa imprevista, con il rinvio della gara contro il Monza, ieri il Casale è tornato ad allenarsi ma i giocatori non hanno ancora ricevuto gli stipendi di novembre e dicembre. Per evitare la penalizzazione in classifica il tempo è scaduto ma Curcio e compagni attendono comunque di essere pagati. Anche se ancora non è stata fatta nessuna mossa, l'ipotesi che la squadra avvii la messa in mora della società non è tramontata. Dall'altra parte, però, il patron Di Stanislao ha aperto la possibilità di coprire gli stipendi. Entro questa settimana potrebbero esserci ulteriori sviluppi. In parallelo, sempre secondo Di Stanislao, potrebbero entrare in società nuovi liquidi derivanti da sponsorizzazioni. Il patron ne aveva già parlato durante la presentazione alla stampa: l'arrivo di una società di telefonia, che si chiama Glamour Spa, oltre a quello di uno storico collaboratore di Di Stanislao, il costruttore romano Marco Neri: "ho il contratto in valigetta, già pronto" - ha dichiarato Di Stanislao a Radio Gold - "Ora ci stiamo informando per procurarci qualche rotor allo stadio per le sponsorizzazioni. Rinnovo la mia fiducia al mister e ai ragazzi, Buglio mi ha detto che sta nascendo un bel gruppo, speriamo. Anche perchè quando una squadra funziona, vince, i possibili problemi vengono messi in secondo piano. Altrimenti tutto è ingigantito. Con un ambiente più sereno, con i toni più smorzati, è più facile che possano arrivare anche i risultati. Confido di restare e di imbastire un programma a lungo termine. Non nascondo, però, che prima del 18 febbraio avevo grande entusiasmo, poi è arrivata questa tegola, e quando i giocatori non si sono allenati è stata una grande delusione."
Francesco Conti fonte RadioGold

Commenti

Post popolari in questo blog

La storia del tifo organizzato a Casale

Comunicato Ultras Casale

R.I.P. REBECCA