Passa ai contenuti principali

Sedici daspo per i disordini di Casale - Entella.

Sedici daspo per i disordini di Casale - Entella. Uno di questi riguarda anche il nerostellato Iannini

I provvedimenti comunicati giovedì mattina dal questore Dispenza

Dopo i provvedimenti del giudice sportivo, ecco quelli della questura sulle vicende del caldissimo post partita di Casale – Virtus Entella. E, anche in questo caso, le misure sono pesantissime. Questa mattina, ad Alessandria, il questore Filippo Dispenza ha annunciato l’emissione di sedici denunce e altrettanti daspo (il divieto ad assistere a manifestazioni sportive), di cui uno riguarda un calciatore (circostanza piuttosto rara): il centrocampista nerostellato Gaetano Iannini. Le altre quindici denunce, accompagnate da daspo, riguardano i tifosi, in particolare quelli che hanno invaso il campo, di cui uno minorenne.

Al centrocampista nerostellato vengono contestati dalla questura in particolare due episodi: avere spintonato per i poliziotti che bloccavano il passaggio negli spogliatoi e poi, all’interno degli stessi, aver impedito a un agente della polizia scientifica di riprendere con una telecamera quelle fasi concitate nell’immediato post gara. Per lui il daspo è di quattro anni. Bisogna precisare che il daspo non gli preclude la possibilità di continuare a giocare: essendo un professionista, ed essendo quindi il calcio la sua attività lavorativa, potrà chiedere alla questura una sorta di permesso per accedere alle strutture durante gli allenamenti e durante le partite, quando è in distinta. Ma non potrà assistere a nessun altro evento sportivo, neppure alla partite dei suoi compagni quando non è fra i diciotto nella lista ufficiale.

Per quanto riguarda i tifosi, gli accertamenti del commissariato di Casale Monferrato e della Digos della questura di Alessandria, hanno individuato quattordici sostenitori (le generalità non sono state rese note) che hanno scavalcato le recinzioni e invaso il campo. A due tifosi (uno rimasto poi sugli spalti) è stato contestato anche il danneggiamento della recinzione, divelto a pedate. Per quattro tifosi il daspo è di quattro anni, per undici di tre anni, per il minorenne di due.

Redazione On Line

Commenti

Post popolari in questo blog

La storia del tifo organizzato a Casale

Comunicato Ultras Casale

IN ITALIA vs NIGERIA SUCCEDE QUESTO :