INTERVISTE A BUGLIO E TADDEI

BUGLIO: “UNA SCONFITTA CHE CI FA MALE” - “Per come si è messa la partita, sono stati più reattivi di noi, ma i gol si potevano evitare. Una sconfitta che ci fa male, non siamo riusciti a recuperare questi gol di svantaggio, non eravamo brillanti come con la Sambonifacese”. E' un Francesco Buglio deluso quello che si presenta in sala stampa a fine match. “Una sconfitta come quella dell'andata – continua Buglio – dove avevamo fatto una brutta prestazione nel secondo tempo, oggi poche idee e confusione, loro non hanno dato spazio a Gambadori e Iannini a centrocampo e dovevamo fare lanci lunghi, oltre al fatto che sulla seconda palla erano più brillanti di noi. Non cominciamo a buttare tutto quello di buono che avevamo fatto prima, non facciamo drammi, è solo una sconfitta, non è vero che non è tutto come prima, la squadra può avere questi cali di concentrazione: martedì analizziamo tutto e ripartiamo. Oggi non guardo la classifica, era un passaggio importante per mettere fieno in cascina, ma anche le altre squadre fanno fatica, oggi abbiamo perso un'occasione ma questo gruppo saprà reagire: domenica prossima si rifaranno alla grande. Gli avversari sono stati più bravi di noi, hanno corso di più, e il secondo gol è stato un infortunio del singolo, mentre il terzo si poteva evitare”. Sulla formazione iniziale: “Sbilanciata? Non credo, nel primo tempo dovevamo utilizzare il potenziale offensivo che abbiamo, senza dare possibilità al Bellaria, ma questo non ci è riuscito, dovevamo essere più veloci sugli esterni. Oggi non riesco a premiare nessuno, neanche l'allenatore”. Sul mercato: “Non dico niente, parlatene con Gigliotti, se arriverà qualcuno lo alleno”.






TADDEI: “E' IL MOMENTO PIU' DIFFICILE DELLA STAGIONE” - Per i giocatori, doveroso l'intervento di Riccardo Taddei in sala stampa come capitano: “C'è poco da dire, il momento è il più difficile della stagione, è una sconfitta che brucia ma nel calcio bisogna guardare avanti, sia perché è un stata una partita diversa rispetto a San Marino, sia perché nel primo tempo pur incontrando una squadra valida potevamo passare in vantaggio noi, invece lo hanno fatto loro e dopo la partita si è fatta in salita. Dobbiamo metterci la faccia e lo faccio per tutti perché questo è un gruppo di ragazzi valido, durante la settimana non è cambiato nulla rispetto a prima, cercheremo di cambiare rotta dalla prossima trasferta, non dobbiamo fare drammi e stare uniti, perché c'è da risalire la china. La mia condizione? Devo crescere, la sosta non mi ha fatto bene, le due settimane di stop non mi hanno aiutato a ritrovarla, anche se oggi un passettino in avanti rispetto a San Marino l'ho fatto”. 

Post popolari in questo blog

La storia del tifo organizzato a Casale

Comunicato Ultras Casale

R.I.P. REBECCA