Passa ai contenuti principali

Piegata la Juve Domo, Casale in finale. E ora sotto con il Corneliano


01/43
Il Casale supera di slancio (2-0) la Juve Domo e conquista la finale dei play off di Promozione, che vale un posto assicurato in Eccellenza. Non è stata una bella partita ma, in questo caso, conta poco: nei play off ci vogliono intelligenza e nervi saldi, lo spettacolo conta poco. Decidono due episodi: un clamoroso svarione del portiere granata che manda in porta Ferraris e poi un rigore, forse discutibile, su Magno, trasformato in maniera impeccabile. È anche vero che, però, gli episodi – come nota acutamente mister Fabrizio Viassi – bisogna saperseli conquistare: se Ferraris non fosse andato su quel pallone, il portiere non avrebbe avvertito pressione e non avrebbe sbagliato. Bene così, e ora sotto con la finale, l'ultimo passo verso l'Eccellenza: sabato 24 maggio tutti al 'Palli' contro con il Corneliano che ha espugnato (0-1) il campo del San Giacomo Chieri.
LA CRONACA
Primo tempo – 3' Il Casale passa subito in vantaggio su un clamoroso svarione difensivo della Juve Domo con il portiere Mellerio che liscia un retropassaggio dando via libera a Ferraris che non ha difficoltà ad appoggiare in rete; 7' Juve Domo vicina al pari, cross che libera Fernandez sottoporta, colpo di testa davanti al portiere, fuori; 20' Bell'uscita di Castagnone su Fernandez; 33' Juve Domo ancora pericolosa con un rasoterra ben indirizzato di Soncin, fuori di un soffio; 37' Nel momento di maggior sofferenza il Casale raddoppia: fallo in area di Ferraris su Magno, l'arbitro indica il dischetto. Bisesi spiazza Mellerio senza difficoltà: 2-0.
Secondo tempo – 6' La Juve Domo in avanti per riaprire la partita: Fernandez si libera sulla fascia destra, il tiro è sull'esterno della rete; 15' Punizione di Puzzello nelle mani di Castagnone. La gara si trascina stancamente verso la fine con un sterili tentativi della Juve Domo e alleggerimenti nerostellati. Finisce 2-0
VIASSI: 'UNA PARTITA INTELLIGENTE CONTRO L'AVVERSARIO PIU' FORTE'
“Abbiamo giocato bene, con intelligenza, concedendo poco a una squadra che ritengo la migliore fra quelle arrivate ai play off, la più forte per qualità ed esperienza. Non era facile questa gara, molti nostri giovani sono inesperti e non è facile giocare partite così importanti con tanta pressione addosso. É vero che il primo gol è venuto su un infortunio del portiere ma è anche vero che il merito va a Ferraris che ha creduto a quel pallone, percorrendo venti metri di campo per mettere pressione sul portiere, inducendolo all'errore. Ora prepariamoci alla finale di sabato: anche se la Juve Domo era l'ostacolo più duro non pensiamo che sia tutto facile. Evitiamo trabocchetti e ricordiamoci che in campionato abbiamo perso punti contro squadre finite poi ai play out”.

Commenti

Post popolari in questo blog

La storia del tifo organizzato a Casale